Ulteriori informazioni

 

Saraceno onlie

  

Contatto-Indirizzo mail

  

Città di Ravanusa

 

Ulteriori informazioni

 

 

 

Visita il sito web

 
 

Ulteriori informazioni

 

 

 

UCCISE LE FIGLIE, ASSOLTA PER INCAPACITÀ DI INTENDERE AVVOCATO: «SOFFRE DI DELIRIO PERSECUTORIO E SCHIZOFRENIA»
Fonte: meridionews.it - 22/05/2019
MARTA SILVESTRE
La Corte d'Assise d'Appello di Caltanissetta ha assolto Giuseppa Savatta perché «una nuova perizia ha confermato che è incapace di intendere e di volere», spiega a MeridioNews l'avvocato Pietro Pistone. Nessun risarcimento per il padre delle bambine
Assolta perché incapace di intendere e di volere. È questa la decisione della Corte d'Assise d'Appello di Caltanissetta nei confronti di Giuseppa Savatta, l'insegnante 44enne che il 27 dicembre del 2016 ha ucciso le sue due figlie - Maria Sofia di 9 anni e Gaia di 7 - nella loro abitazione in via Passaniti, nel cuore del centro storico di Gela. Nessun risarcimento è stato riconosciuto per l'ex marito della professoressa e padre delle due bambine, Vincenzo Trainito, che si è costituito parte civile nel processo. «Il giudizio - spiega a MeridioNews l'avvocato Pietro Pistone che difende la donna insieme alla collega Luisa Campisi - è arrivato dopo una nuova perizia fatta su istanza della parte civile. Anche in secondo grado, è stato confermato quanto già emerso anche in sede di incidente probatorio».

L'assoluzione della madre è arrivata per la non imputabilità. «La mia assistita oggi non sta affatto bene - afferma il legale - anzi, rispetto a un anno fa, i periti nominati dalla Corte d'Assise d'Appello hanno stabilità che la sua patologia sembra essere più grave rispetto a quella precedentemente riscontrata». La donna, che si trova in una struttura Rems (residenza per l'esecuzione delle misure di sicurezza) perché è ritenuta socialmente pericolosa, soffre di un «delirio persecutorio con tratti di schizofrenia - conferma l'avvocato Pistone - e non sta rispondendo adeguatamente al trattamento farmacologico cui è sottoposta». 
I corpi delle due bimbe furono trovati dal padre ancora in pigiama, una nella sua cameretta e l'altra nel corridoio. Il medico legale aveva individuato tracce di candeggina nello stomaco delle due bambine ma nessun segno di violenza.

La donna è stata accusata di averle soffocate con le mani dopo averle costrette a ingurgitare il liquido tossico. Subito dopo il duplice infanticidio, la donna aveva provato a bere la candeggina e a scavalcare il balcone per lanciarsi ma sarebbe stata fermata dal marito, giunto sul posto.
Alla base del gesto, stando a quanto aveva raccontato la stessa madre al giudice per le indagini preliminari, ci sarebbe stata una forte depressione - di cui la donna avrebbe sofferto da quando il padre, diversi anni prima, si era suicidato per un tumore gettandosi dal balcone - e il timore che il marito le portasse via le bambine dopo la separazione più volte paventata. «Non sono pazza, l'ho fatto per il loro bene», aveva continuato a ripetere Savatta agli infermieri e ai medici del reparto di Psichiatria dell'ospedale Vittorio Emanuele, dove era stata ricoverata dopo il delitto    
Leggi articolo originale dalla fonte

 
Commenta/condividi questo articolo sulle nostre pagine fecebook:  

Saraceno online

  

Città di Ravanusa

 

 

   

 
 
 

© StudioGF Tutti i diritti sono riservati - Richiesta di rettifica - Cosa facciamoContatti