Saraceno onlie

  

Saraceno onlie

 

Contatto-Indirizzo mail

  

Città di Ravanusa

 

Ulteriori informazioni







Ulteriori informazioni
 

LE PATATE “VUDDRUTI” ALLA GHIOTTA, GUSTOSO ELISIR DI LUNGA VITA
Fonte: blogsicilia.it - 04/08/2020
di Manuela Zanni
“Cu mancia patate nu’ muori mai” recita un antico proverbio siciliano frutto della saggezza popolare  che racchiude in sé la formula segreta per un prezioso elisir di lunga vita: le cosiddette patate “vuddruti” ovvero bollite.  La motivazione di questo detto risiede, probabilmente, nell’ elevato contenuto nutriente contenuto nelle patate che, in occasione di carestie e guerre, hanno costituito l’alimento principale che ha contribuito a sfamare intere generazioni.
Si tratta del più semplice e salutare dei cibi da strada che è possibile trovare dal proprio fruttivendolo di fiducia in tutti i mesi dell’anno e a qualsiasi ora del giorno. Una irresistibile tentazione gastronomica, che , ogni fruttivendolo, ambulante o residente, prepara sapientemente per stuzzicare l’appetito di clienti e passanti che si affrettano a tornare a casa per pranzo o per  cena. Una sorta di “take away”che, soprattutto ai tempi delle nostre nonne, può considerarsi l’antesignano dei più moderni cibi d’asporto tanto in voga.

Ingredienti per quattro persone
8 patate medie (o 4 grandi)
2 cipolle medie
4 pomodori ramati (o pelati)
capperi
mezzo bicchiere di vino bianco
un pizzico di origano
prezzemolo fresco
olive verdi q.b.
olio extravergine d’oliva q.b.
sale e pepe q.b.
Sbucciate le patate, sciacquarle sotto l’acqua e tagliarle a tocchetti. Affettate la cipolla a rondelle sottili. Spellate i pomodori, apriteli a metà, liberateli  dai semi e tagliateli a pezzetti. Mettete l’olio in un tegame, aggiungete la cipolla e fatela rosolare appena senza lasciare che prenda colore. Quindi  unite le patate e mescolate per fare insaporire, quindi aggiungete i pomodori , i capperi e versare il vino, un bicchiere d’acqua calda, l’origano ed il sale. Coprite bene e far cuocere a fiamma bassa per circa 30 minuti, mescolando un paio di volte ed aggiungendo, se necessario, un mestolo  d’acqua calda. Cinque minuti prima del termine della cottura, unite un paio di cucchiai di olive verdi (dopo aver tolto il nocciolo) ed un cucchiaio di capperi.Mescolate bene, cospargete con qualche foglia di basilico spezzettata e con una buona macinata di pepe nero, infine spegnete il fuoco e lasciate riposare coperto. Servite tiepide o a temperatura ambiente.
Leggi articolo originale dalla fonte

 
Commenta/condividi questo articolo sulle nostre pagine fecebook:  

Saraceno online

  

Città di Ravanusa

 
 

 

   

 
 
 

© StudioGF Tutti i diritti sono riservati - Richiesta di rettifica - Cosa facciamoContatti